NEWSNEWS

< BACK TO NEWS

March 22,2017 - Babcock Ranch: è negli Stati Uniti

International attention – this from a tech pub in Italy

March 18, 2017

Alimentata completamente da fonti rinnovabili, Babcock Ranch utilizzerà solo ed esclusivamente energia solare per abitazioni e servizi pubblici

di Jessica Fabiano

Una cittadina completamente sostenibile, alimentata interamente da energia solare prodotta da una centrale elettrica di 443 acri, senza costi di utilità aggiuntivi per i suoi abitanti.

Utopia realizzata

Può sembrare un’utopia, invece è un progetto reale e concreto di Syd Kitson, proprietario di un’agenzia immobiliare che dieci anni fa ha acquistato un terreno di 91mila acri. Di questi, 30mila ettari sono stati venduti alla Florida per farne una riserva naturale. Sui restanti 18mila acri sorgerà invece, nel sud dello Stato degli Usa, Babcock Ranch Reserve, la cittadina green che dovrebbe vedere la luce nel 2017, realizzata in collaborazione con la Florida Power and Light, una delle più importanti società elettriche degli Stati Uniti.

Il piano urbano

Babcock Ranch offrirà un tetto a 50mila abitanti e ospiterà 19mila appartamenti, molte attività commerciali, uffici, imprese e scuole. Oltre alla centrale elettrica, ciò che renderà la piccola cittadina al 100% sostenibile saranno le 50 miglia di percorsi pedonali e ciclabili che consentiranno di spostarsi senza dover utilizzare auto o mezzi pubblici. Al loro posto, veicoli elettrici o ibridi.  L’illuminazione invece sarà affidata a una rete di pannelli solari a batteria che durante il giorno accumulerà energia per poi rilasciarla al tramonto. Ogni cittadino potrà piazzare dei pannelli sul tetto di casa propria e controllare l’energia prodotta in eccesso attraverso una smart grid. E se il sole non dovesse splendere, questa sarà prodotta da un impianto a gas, un mix che il team dietro il progetto ha definito come “il più pulito degli States”.

Le reti e i costi

Altro punto importante è quello legato al sistema idrico. Per Babcock Ranch è stata ideata una rete per il recupero delle acque bianche reflue provenienti dalle abitazioni, che verranno riutilizzate per irrigare le zone della città che lo necessitano, come prati e parchi. Il costo degli appartamenti? Varierà tra i 200mila e gli 800mila dollari.«Immaginate — si legge sul sito ufficiale — di vivere in un posto in cui i vicini di casa sono davvero i vicini, dove il portico accanto è familiare come il proprio e i negozianti si conoscono per nome e vi salutano con un sorriso. Questo è un luogo dove il vostro desiderio di essere a contatto con la natura e ogni aspetto della vita viene condiviso e celebrato».